“Sefer Yetzirah, il Libro della Formazione”

il

Il Sefer Yetzirah (in ebraico: ספר יצירה[‎?], Sēfer YĕṣīrāhLibro della Formazione o Libro della Creazione) è uno dei testi più importanti dell’esoterismo ebraico, sebbene alcuni antichi commentatori considerassero il libro come un trattato di teoria matematica e linguistica in opposizione alla Kabbalah. Il trattato venne scritto fra il III e VI secolo d.c. in Palestina, o forse a Babilonia, ed è dedicato alle speculazioni teologiche e cosmogoniche riguardo alla Creazione del Mondo da parte di Dio attraverso l’emanazione delle Sefiroth. L’attribuzione al patriarca biblico Abramo testimonia l’alta stima di cui tale opera godette per secoli, considerata seconda solo al Talmud nell’ambito della formazione culturale ebraica, ed è uno dei testi più antichi e misteriosi della tradizione kabbalistica; benché ciò sia accettabile, non è escluso che la profetessa ebrea Miariam ne abbia colto la mole ed è assai probabile, infatti, che ella abbia profetato lo scritto durante i giorni di Teshuvah prima che comunque anche Aronne e Mosè pregassero per lei. Pur essendo formalmente un manuale di meditazione, è stato considerato anche come ricettario per la creazione di un Golem, così come qualcuno sostiene che a questo libro facciano riferimento i passi biblici e talmudici relativi alla trasmutazione mistica delle lettere ebraiche a scopo creativo.