“Viviamo nell’Era dei Cazzologi del Web” di Federico Bellini

[Nell’immagine Napal 51 interpretato da Maurizio Crozza]

La nostra passerà alla storia come l’Era dei Cazzologi del Web. Basta avere un account su qualsiasi social, specie su Facebook, per diventare esperti in tutte le materie possibili esistenti, e sparare sentenze in ogni dove. Le persone, invece di ricercare di loro spontanea iniziativa, copia e incollano senza pudore, senza alcuna ricerca di riscontro, completamente ignari o incuranti che ciò che postano possa essere vero o falso, e su queste basi che si fondano sul nulla, passano le loro giornate infarcendo le menti degli altri della loro stessa stupidità. È l’epoca dei No-Tutto, degli Anti-Tutto, dei revisionismi storici, politici, religiosi e sociali, del “so tutto io“, perché tanto tu non saprai mai un cazzo (appunto!), semplicemente perché non sei un Anti-Sistema (e che solo loro pensano di aver capito). Come se non bastasse ci propinano anche i loro rimedi, ed ecco che vanno per la maggiore traduzioni forzate di antichi testi, religiosi, filosofici e storici, metodi iper-costosi e concentrati, come ipnosi o tecniche di PNL affini.

Corsi di Spiritualità alla spicciolata, dove ne escono fuori tutti con un attestato di partecipazione e che li rende automaticamente parte di un circolo esclusivissimo di nuovi adepti-addormentati (nonché indottrinati); i quali credendo di aver cambiato le proprie esistenze, iniziano disastrosamente a farlo con quelle altrui, incrementando problemi a non finire nella vita di quanti incroceranno il loro cammino. E tutto questo avviene mentre il vero e grande “Sistema” continua indisturbato a manovrarci, comandarci, esigere, tassarci, vaccinarci, etc., perché a questi “Cazzologi” poco importa lottare per il presente o il futuro di sé stessi o dei propri figli, quanto piuttosto diventa fondamentale rimettere in discussione Olocausti o Avvistamenti UFO, persino le conformazioni planetarie o tutte quelle conoscenze del passato, e che ormai fanno parte della storia, come del nostro DNA.

Insomma, non basta farsi un selfie con la bocca a culo di gallina e postarlo su Instagram[1], ma si pretende persino di Prendere Coscienza con il culo degli altri!

Tutti che si riempiono la bocca di termini come Consapevolezza, Illusione, Matrix, Rivoluzione, Spiritualità, Coscienza, etc., tutti che si fanno fighi e grandi, che pensano di risvegliare l’Umanità intera, e poi, alla prima occasione, se non la pensi come questi novelli ‘illuminati’, farebbero di tutto per farti tacere, anche mettendoti al rogo. Perché oggi va molto di moda vomitare le proprie frustrazioni sulle spalle altrui, e l’unico consiglio che posso dare a questi avventori, è che quando sentite arrivare i primi conati di vomito, fareste meglio a rinchiudervi in un bagno e meditare guardando il buco del cesso, perché da lì passano tutte le nostre scorie, tutti i nostri veleni, senza che mai, quel cesso, si sia ribellato a noi, o ci abbia mai mandato semplicemente ‘a cagare‘.

Volete farvi ipnotizzare da dei ciarlatani? Volete praticare tecniche illusionistiche e sconclusionate? Volete Meditare durante una Eclissi? Volete credere che vi salverà la Flotta Interstellare degli Esseri di Luce? Volete pensare che esista Nibiru? Volete credere che la Terra sia Piatta? Volete affermare che il cavallo bianco di Napoleone fosse bianco? Fate pure!

Vero che adesso c’è molta più Coscienza che circola, ma di pari passi c’è anche molta più ignoranza, perché il “Sistema” non vuole che un certo Risveglio si manifesti. Ecco che spuntano traduzioni della Bibbia che uniscono verità e forzature, terapeuti o terapisti improvvisati che non conoscendo la reale natura umana non sanno come intervenire per risolvere dei semplici problemi fisici. Esoteristi, ricercatori dell’occulto o ufologi che galvanizzati dalle loro scoperte, credono di parlare amichevolmente con certe Entità, senza sapere, dato che nessuno le vede, cosa in realtà stiano facendo a livello sottile con i diretti interessati.

I “Meccanismi“, in questo modo, si perpetuano, e a distanza di anni si ripresentano con le stesse modalità tra persone diverse, ma riunite all’interno di gruppi di lavoro, sempre uguali, che seppur inizialmente e con tutta la buona volontà o buonafede infusavi, finiscono poi per circondarsi di seguaci, e di diventare talmente chiusi a riccio, come ogni Setta che si rispetti. C’era un vecchio detto che diceva: “se giochi troppo con il Diavolo, alla fine sarà il Diavolo a giocare con te“, e se non si conoscono le regole di questo Gioco, sarà un attimo passare da uomo forse libero, a sicura pedina, a possibile vittima. Perché quando ripeto allo sfinimento “Facciamo Attenzione” (e vale anche per me), significa tutto questo…

[Segue una breve spiegazione, in alcuni semplici punti, su come nascono certi “Esperimenti Sociali“, ancora oggi tanto in voga: «si isolano inizialmente dalla famiglia e cambiano improvvisamente lo stile di vita precedente; / non è raro che il soggetto divorzi; / comincia a viaggiare molto e conduce una vita intensa; / parla spesso in pubblico per diffondere il suo messaggio, conferendogli un valore esoterico; / fonda scuole di pensiero e movimento a cui aderiscono molte persone/discepoli; / i seguaci lo incitano ad andare nel Mondo a dimostrare le sue capacità, che causa in un secondo momento molte invidie; / appaiono sofferenze e problemi derivanti da quanti si oppongono alle loro idee, in quanto non riconosciute, e sono frequenti anche discussioni interne che portano ad eventuali scissioni; / capacità di una visione più ampia dei ‘comuni mortali’ con prospettive di sviluppi nuovi ed imprevedibili; / utilizzo massiccio di doti telepatiche personali o tramite chiaroveggenza e medium, specie per piccoli eventi, etc; / capacità di convincere le altre persone a cambiare vita; / data la mole di lavoro che li assale, sembra che abbiano una forza inesauribile (o esterna) che permetta di loro di potersi occupare di tutto; / facilità di avere ingenti somme di denaro per espandere il proprio operato, denaro spesso giunto in modalità ignote; / Non sono rari seri problemi di salute a fronte di una grave dispersione energetica, dovuta alle molteplici attività svolte, etc.» [Profilo di base studiato da Salvador Freixedo, integrato con le ricerche di John E. Mack, e del sottoscritto.]


[1] Noto Social dove si condividono fotografie e immagini.